Partito di Alternativa Comunista

Stellantis, da Delio a Francesca: storie di repressione e resistenza

Stellantis, da Delio a Francesca:

storie di repressione e resistenza

 

 

di Diego Bossi

 

 

Il primo trimestre del 2024 inizia con due licenziamenti politici da parte di Stellantis (Fiat): Delio Fantasia, operaio Stellantis di Cassino e segretario locale della Flmu-Cub, e Francesca Felice, operaia Stellantis di Atessa e attivista del Coordinamento Slai-Cobas di Chieti, si sono visti recapitare una notifica di licenziamento: il motivo? Nulla importa, per noi, quali siano le motivazioni addotte nelle lettere di contestazione: qualsiasi cosa sia loro addebitata, in realtà ha la sola funzione di dare una copertura legale a un violento atto di repressione politica quale è il licenziamento. Niente di più, niente di meno.

 

Sindacati e vita di fabbrica

«Siamo lavoratori o sindacalisti?», potremmo riassumerla così, parafrasando Totò, l’annosa questione degli operai attivi nel sindacalismo conflittuale, specialmente all’interno delle fabbriche della grande industria: una provocazione, forse; ma sempre più spesso la parola sindacalista assume un’accezione negativa, esterna alla classe, perdendo di vista il principio per cui i lavoratori debbano essere protagonisti delle lotte e alla guida delle loro organizzazioni sindacali.
Per prima cosa è necessario comprendere quanto sia alienante la vita degli operai: una fabbrica è un micro mondo a sé, con delle leggi non scritte che disciplinano le dinamiche umane e sociali. Il padrone decide tutto, e nel tutto è compreso quale mansione dovrai svolgere, quale livello avere, in quale reparto e con chi dovrai lavorare, quanto dovrà essere stretta la morsa intorno a te e quanto dovrai essere isolato. Insomma, decide che vita dovrai fare e quali conseguenze psicologiche e muscolo-scheletriche potrai sviluppare. Per avere questo potere il padrone necessita di un apparato di controllo efficace, articolato e ben collaudato: si serve di quadri, capireparto e capiturno, come è noto; poi si avvale di tutti quegli strati intermedi nascosti dietro le pieghe della gerarchia ufficiale: caporali senza gradi, scendiletto, lecchini e mestieranti frustrati di ogni risma in perenne attesa che qualche briciola in più caschi dalla tavola imbandita della borghesia.
In questa Jungla si inseriscono a pieno titolo le direzioni dei sindacati confederali, promotrici di un sindacalismo concertativo, quando non compiacente: la firma di accordi  e contratti collettivi hanno pattuito col padrone, negli anni, il furto organizzato di salari e potere d’acquisto, nonché la compressione di diritti fondamentali conquistati in anni di durissime lotte (sciopero, rappresentanza, orari di lavoro, reintegro dopo i licenziamenti ecc.); e il tempo, non di rado, è nuvoloso persino alle latitudini del sindacalismo di base, dove dinamiche settarie e mire concertative, alle volte, prevalgono sugli interessi generali di classe.

 

Le avanguardie operaie

Nel contesto soprascritto, si collocano le avanguardie operaie come Delio e Francesca, attive in organizzazioni sindacali operanti in due importanti stabilimenti Stellantis (la Flmu-Cub di Frosinone e lo Slai-Cobas di Chieti) che da anni svolgono un preziosissimo lavoro di denuncia, di lotta contro lo sfruttamento, contro il precariato del sistema criminale degli appalti e dei subappalti, per la sicurezza dei lavoratori in fabbrica e per una reale e libera democrazia dei lavoratori. È importante comprendere che queste avanguardie sono un patrimonio preziosissimo per il movimento operaio e vanno difese e tutelate.

 

Un 8 marzo di lotta operaia

Venerdì 8 marzo, giornata internazionale di lotta dell’operaia, davanti ai cancelli della Stellantis di Atessa si è svolto un presidio co-organizzato dal Coordinamento Slai-Cobas di Chieti e dalla Flmu-Cub di Cassino per sostenere Francesca, operaia licenziata. Un evento estremamente importante sia dal punto di vista politico, perché sottrae l’8 marzo al femminismo borghese e lo riporta a pieno titolo sul terreno di classe; sia dal punto di vista dell’unità d’azione, poiché due realtà di lotta tra le più avanzate del Paese hanno stretto un’alleanza solida. Iniziative in solidarietà con Francesca e Delio si stanno svolgendo in varie città italiane ed è arrivata anche la solidarietà della Rete sindacale internazionale di solidarietà e di lotta (1). Ad Atessa l’8 marzo a portare la solidarietà a Francesca per l’infame licenziamento che ha subìto si sono presentate, incentivate — diciamolo! — dalle imminenti elezioni regionali, c’erano anche alcune realtà politiche dell’opposizione parlamentare. Noi di Alternativa comunista eravamo presenti coi nostri militanti operai colleghi di Francesca alla Stellantis di Atessa e col sottoscritto, operaio Pirelli di Bollate (MI).
Se da una parte è vero che alla solidarietà, specialmente di fronte ad attacchi repressivi così gravi, non si fa selezione, dall’altra è importante che gli operai siano consapevoli del «curriculum» che taluni partiti si portano in «dote»: Jobs act, decreti sicurezza, abolizione art.18, decreto sblocca licenziamenti, riforma Fornero ecc., sono solo alcuni dei provvedimenti che questi partiti hanno proposto dagli scranni del governo o approvato da quelli del parlamento. I licenziamenti di Francesca e Delio non sono eventi isolati ma veri e propri atti di lotta di classe e la lotta di classe, come ben sanno le compagne e i compagni della Flmu-Cub di Cassino e dello Slai-Cobas di Chieti, si deve combattere quotidianamente e con coerenza a tutti i livelli e in tutti gli ambiti.
La tendenza di molti lavoratori ad affidarsi o a riconoscere solo i partiti istituzionali, per così dire «riconosciuti» dal sistema, non è diversa da quella di affidarsi o riconoscere solo i sindacati «riconosciuti» e genera la sfiducia della classe in sé stessa, facendo  prevalere la delega alla partecipazione, allontanando i lavoratori dall’idea di un loro protagonismo diretto che passi dalla direzione dei loro sindacati e dalla costruzione di un loro partito, che per noi dev’essere un partito d’avanguardia con influenza sulle masse, costruito nelle lotte, internazionale e rivoluzionario.

 

Quali prospettive

L’attuale quadro della lotta di classe in Stellantis vede, sul fronte padronale, un disimpegno della società dal territorio italiano dovuto, principalmente, a due elementi: 1) la trazione francese, per via di una collocazione più alta della borghesia d’oltralpe nella piramide degli stati imperialisti; 2) la ricerca di lidi dove massimizzare lo sfruttamento «low cost». I risultati sono sotto gli occhi di tutti: gli stabilimenti italiani, ad eccezione di Atessa, sono sotto regime di cassa integrazione a singhiozzo se non prossimi alla chiusura e il contraccolpo sta scuotendo l’intero indotto dei terzisti, dei servizi e della catena commerciale (decine di migliaia di posti di lavoro!).
Sul fronte operaio stiamo assistendo a un grande esempio di unità di classe: ad Atessa da alcuni mesi lo Slai-Cobas di Chieti e Usb stanno facendo scioperi e iniziative di lotta comuni con comunicati congiunti; la Flmu-Cub dello stabilimento di Cassino ha già svolto due presidi fuori dai cancelli di Atessa: l’ultimo presidio con sciopero dell’8 marzo e il precedente presidio dell’8 gennaio contro le trasferte obbligatorie. Si è venuta a creare un’alleanza importante e l’unità di classe sta varcando le collocazioni sindacali e geografiche. Non a caso Stellantis sta affilando la lama della repressione: vuole stroncare sul nascere questa unità operaia, unica arma che può mettere in discussione i piani e i profitti padronali. Questo esempio virtuoso che ci arriva da Atessa e Cassino ci indica la strada da percorrere.
Alternativa comunista sarà attiva nel promuovere l’unità di classe degli operai, valorizzando e sostenendo esperienze di coordinamento che partano da Stellantis e si estendano a tutte le categorie industriali. Facciamo appello a tutte le organizzazioni sindacali coinvolte a sostenere l’unità di classe dimostrata, con avanzata maturità politica, dalle loro stesse realtà locali di Atessa e Cassino.

Questa è la strada giusta, avanti così! Per Delio, per Francesca, per il proletariato!

 

Note

  1. A Modena il 4 aprile è stato organizzato un partecipato presidio in solidarietà con Francesca e Delio davanti alla Cnh (gruppo Stellantis), promosso da vari sindacati di base e associazioni del territorio. Sia il report del presidio che il comunicato della Rete sindacale internazionale si possono leggere sul sito www.frontedilottanoausterity.org.

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




elezioni comunali

Cremona2024

 


Sabato 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac