Partito di Alternativa Comunista

Decine di migliaia di persone si mobilitano a Washington per la liberazione della Palestina

Decine di migliaia di persone si mobilitano a Washington

per la liberazione della Palestina

 

 

 

di John Leslie (Workers’ Voice, Usa)

 

 

 

Mentre le forze israeliane continuano il loro spietato assalto a Gaza, milioni di persone si sono unite alle proteste in tutto il mondo. Il 4 novembre si sono svolte manifestazioni di protesta in diverse città degli Stati Uniti. La più grande è stata la «marcia nazionale» di Washington, che ha chiesto la fine degli aiuti statunitensi a Israele, l'immediato cessate il fuoco, la revoca dell'assedio di Gaza e la liberazione della Palestina dalla morsa dello Stato coloniale israeliano basato sull’apartheid. L'evento ha portato nella capitale degli Stati Uniti oltre 100.000 persone provenienti da almeno 22 Stati.
La manifestazione iniziale a Freedom Plaza, vicino alla Casa Bianca, si è riversata nelle strade circostanti. I rallentamenti del traffico, dovuti al gran numero di veicoli che trasportavano le persone alla manifestazione e al blocco della polizia sulle strade, hanno causato il ritardo di almeno 40 autobus. La polizia ha vietato agli autobus di far scendere i passeggeri nei pressi della manifestazione.

 

Numeri impressionanti

Alcuni media capitalisti hanno sminuito le dimensioni della manifestazione, limitandosi a dire che l'affluenza è stata di «migliaia». La Coalizione Answer e altri organizzatori hanno stimato 300.000 persone in piazza (vedi Mondoweiss), mentre altre fonti solidali hanno fornito cifre molto più basse. Lo stesso giorno, le proteste nella baia di San Francisco e a New York hanno attirato decine di migliaia di manifestanti.
La protesta di Washington, la più grande manifestazione di solidarietà con la Palestina nella storia degli Stati Uniti, è stata promossa da Answer Coalition, Palestinian Youth Movement, American Muslim Alliance, The People's Forum, National Students for Justice in Palestine (Sjp), Al-Awda: The Palestine Right to Return Coalition, U.S. Palestinian Community Network (Uspcn) e U.S. Campaign for Palestinian Rights (Uscpr). Quasi 500 organizzazioni locali e nazionali, dai socialisti ai gruppi dei Campus, ai gruppi di solidarietà con la Palestina e alle organizzazioni religiose, hanno appoggiato e si sono mobilitate per la marcia.
L'evento ha rispecchiato il carattere di molte proteste in tutto il Paese dall'inizio di ottobre, con la partecipazione numerosa di giovani delle organizzazioni studentesche e delle comunità palestinese, mediorientale e musulmana. La marcia si è estesa per isolati e si è riversata dalla strada ai marciapiedi. Ci è voluta più di un'ora per arrivare a Lafayette Park, di fronte alla Casa Bianca, e i manifestanti sono rimasti nel parco e su Pennsylvania Avenue per ore. Un gruppo di manifestanti ha imbrattato di vernice rossa i cancelli della Casa Bianca, a simboleggiare il sangue sulle mani di Biden.
Slogan e canti erano rivolti alle azioni genocide dello Stato israeliano e condannavano l'amministrazione Biden per il suo pieno sostegno ai crimini di Israele a Gaza. Cartelli e striscioni fatti in casa indicavano Biden come «Joe il genocida» e ne chiedevano le dimissioni. La gente ha cantato «Biden, Biden, non puoi nasconderti, ti accusiamo di genocidio», alternando con «Netanyahu non puoi nasconderti, ti accusiamo di genocidio». È chiaro che i Democratici si sono disonorati e screditati agli occhi di una nuova generazione di giovani antimperialisti radicalizzati.
Nidaa, una palestinese di Gaza, ha raccontato ad Al Jazeera le sue preoccupazioni per la famiglia a casa, dicendo: «Fermate la guerra. Fermate i bombardamenti. Fermate questo genocidio a Gaza - questo è il messaggio numero uno che inviamo oggi, e spero che il nostro governo ci ascolti. Spero che la nostra gente a Gaza, in Palestina in generale, sappia che siamo qui. Spero che sentano le nostre voci almeno per rincuorarsi, per sapere che non sono soli».
Recentemente, l'amministrazione Biden, sotto la pressione delle proteste di massa, ha fatto qualche tiepido appello alla moderazione e a una «pausa umanitaria» nel massacro di Gaza. Ma i Democratici, compresi i cosiddetti progressisti e alcuni «socialisti», continuano a sostenere il diritto di Israele all'«autodifesa» e continuano a sostenere l'armamento del regime di apartheid. In ottobre, un gruppo di democratici progressisti del Congresso ha proposto una risoluzione che chiedeva all'amministrazione Biden di chiedere «un'immediata de-escalation e un cessate il fuoco in Israele e nella Palestina occupata» e di fornire aiuti umanitari a Gaza. Ma anche questa risoluzione, molto moderata, ha dovuto affrontare aspre critiche all'interno del gruppo democratico.

 

Gli interventi dal palco

Gli oratori, dal palco, hanno criticato l'amministrazione Biden, il regime israeliano e l'imperialismo, chiedendo libertà e giustizia per la Palestina. Hatem Bazian, membro della facoltà dell'UC Berkeley, ha dichiarato: «Voglio prendermi un minuto per esprimere la mia più profonda gratitudine ai giovani, agli studenti, ai giovani che si sono opposti alla macchina infernale. State facendo la differenza, dalle strade di Washington DC a ogni angolo del mondo. Oggi siamo riuniti non solo a Washington, ma anche in Bolivia, Colombia, Brasile, Londra e in tutto il mondo per dire senza titubanze che siamo stati testimoni dell'ipocrisia di questo mondo. Vi diciamo che siete caduti su ogni aspetto dei diritti umani. Avete completamente ignorato il diritto internazionale».
Anche Melanie Yazzi, rappresentante dei nativi americani, ha espresso solidarietà: «Oggi diamo un colpo devastante al colonialismo. Come popolo indigeno dell'Isola della Tartaruga, proclamiamo che la decolonizzazione e la restituzione della terra sono l'unica forma di giustizia per i crimini del colonialismo dei coloni. I nativi, purtroppo, sono già stati qui. Conosciamo l'intera storia e il futuro della Palestina perché l'abbiamo vissuta. Sopportiamo il progetto coloniale dei coloni che si fa chiamare Stati Uniti».
Mohammed Nabulsi, del Movimento giovanile palestinese, ha dichiarato: «Siamo qui nella capitale dell'impero statunitense per chiedere fermamente la fine del genocidio di Gaza da parte di Israele, la fine del brutale assedio del nostro popolo e degli aiuti militari statunitensi a Israele. I popoli oppressi del mondo hanno parlato; ci siamo espressi chiaramente: chiediamo la fine del genocidio del popolo palestinese orchestrato dagli Stati Uniti ed eseguito da Israele. ... Ci riuniamo qui per dichiarare al governo degli Stati Uniti e al mondo intero che le masse di questo Paese e del mondo stanno dalla parte della giustizia, della dignità, della liberazione e dalla parte del popolo palestinese».
Noura Erakat, attualmente professore associato di studi internazionali alla Rutgers University, ha dichiarato: «Siamo uniti dalla nostra umanità. Siamo uniti dal nostro impegno assoluto per l'umanità e dal nostro rifiuto assoluto di lasciare che le potenze occidentali e Israele la seppelliscano sotto la loro depravata ricerca di ricchezza e privilegi. Stiamo mettendo i nostri corpi sui binari della ferrovia che sta cercando di forgiare un futuro attraverso il genocidio e l'annientamento».

 

La Nakba continua

Al Jazeera riferisce che più di 10.000 persone sono state uccise a Gaza dagli attacchi militari israeliani dal 7 ottobre. Inoltre, 152 palestinesi in Cisgiordania sono stati uccisi dall'esercito israeliano e dalle bande di coloni armate dallo Stato israeliano, che ha rilasciato più di 10.000 fucili ai coloni dopo l'attacco del 7 ottobre guidato da Hamas contro l'entità sionista. Mentre i politici fascisti israeliani invocano apertamente la pulizia etnica e l'espulsione o la morte dei palestinesi, i Paesi imperialisti rimangono in silenzio. Anzi, i politici statunitensi di entrambi i partiti hanno fomentato un clima islamofobico e anti-palestinese nel tentativo di screditare e marginalizzare il movimento contro la guerra genocida di Israele.
A settembre, Netanyahu si è rivolto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite mostrando una mappa del «nuovo Medio Oriente» che esclude la Palestina. Ci sono indicazioni che il regime di estrema destra di Netanyahu intenda intraprendere l'annessione della Cisgiordania, di Gaza e delle alture del Golan, un piano che esclude i palestinesi e che richiederebbe quella che si può solo chiamare la Nakba 2.
La fondazione dello Stato sionista nel 1948 è stata segnata dalla violenza e dalla pulizia etnica dei palestinesi, un evento continuo a cui i palestinesi si riferiscono come Nakba (cioè Catastrofe). Durante la Nakba originaria, più di 700.000 palestinesi furono cacciati dalle loro case. Centinaia di villaggi furono rasi al suolo o occupati dai coloni.
Dopo pochi mesi, solo 138.000 palestinesi rimasero nello Stato sionista. La stragrande maggioranza dei palestinesi fu allontanata con la forza, uccisa o costretta a fuggire in preda al panico. I pochi palestinesi rimasti nello Stato israeliano, i cosiddetti «arabi israeliani», sono cittadini di seconda classe. I palestinesi nati in Palestina non possono tornare alle loro case.
Dalla guerra del 1967, i palestinesi della Cisgiordania e di Gaza vivono sotto una brutale dittatura militare caratterizzata da punizioni collettive, furti di terra, detenzioni senza processo, omicidi da parte dell'esercito di occupazione, costruzione di insediamenti illegali, distruzione di coltivazioni e ulivi e distruzione di case. I coloni scaricano rifiuti tossici nei corsi d'acqua a monte dei villaggi palestinesi.
Da quasi 20 anni, Gaza esiste come una prigione a cielo aperto. Anche prima dell'attuale attacco israeliano, le Nazioni Unite hanno stimato che 125.967 bambini sotto i cinque anni (il 35%) a Gaza non avrebbero raggiunto il loro pieno potenziale di sviluppo a causa della povertà, della cattiva alimentazione, della mancanza di accesso ai servizi di base e degli alti livelli di stress familiare e ambientale e di esposizione alla violenza.
Dal 7 ottobre, le bande di coloni stanno conducendo un pogrom in Cisgiordania che ha il chiaro scopo di cacciare i palestinesi rimasti dalla terra. L'Autorità palestinese collaborazionista ha perso ogni legittimità e non è riuscita a proteggere la popolazione dalla violenza dei coloni. Gli israeliani che hanno osato opporsi a questo orrore sono stati attaccati, minacciati e arrestati.

 

L'azione sindacale è fondamentale

I sindacati palestinesi hanno lanciato il seguente appello: «I sindacati palestinesi chiedono a tutti gli organismi a livello internazionale e a tutte le persone di coscienza di porre fine a tutte le forme di complicità con i crimini di Israele: con la massima urgenza, interrompano il commercio di armi con Israele, così come tutti i finanziamenti e la ricerca militare. Il momento di agire è adesso: le vite dei palestinesi sono in bilico».
Sindacalisti belgi e italiani si sono rifiutati di caricare armi destinate a Israele. In Gran Bretagna, i Lavoratori per una Palestina Libera hanno bloccato una fabbrica di armi nel Kent di proprietà della Instro Precision, una filiale della Elbit Systems, un produttore di armi israeliano. In Sudafrica, i portuali si sono rifiutati di scaricare il carico da una nave israeliana.
Negli Stati Uniti, la burocrazia del lavoro ha ostacolato i tentativi dei sindacati di essere solidali con la lotta palestinese. I vertici dell'Afl-Cio hanno invalidato una dichiarazione di solidarietà del Thurston-Lewis-Mason Central Labor Council (Tlm Clc) di Olympia (Wash). Alcuni organismi sindacali dell'istruzione superiore, tra cui la Graduate Employee Organization, Uaw local 2322, e la Student Workers of Columbia, Uaw, hanno rilasciato dichiarazioni di solidarietà.
L'Oakland Education Association ha rilasciato una dichiarazione il 27 ottobre: «Condanniamo l'occupazione militare illegale della Palestina che dura da 75 anni. Il governo israeliano ha creato uno stato di apartheid e i leader del governo israeliano hanno sposato la retorica e le politiche genocide contro il popolo palestinese».
In un comunicato, il National Nurses United ha dichiarato: «Siamo al fianco degli infermieri, dei medici e degli altri operatori sanitari palestinesi e dei loro sindacati che hanno valorosamente lavorato per salvare vite umane durante questa recente escalation di violenza. Chiediamo la fine dell'aggressione militare, dell'occupazione e del blocco illegale di Gaza».

 

Non è che l’inizio

L'ondata di proteste dell'ultimo mese e la grande marcia a Washington sono solo l'inizio di un movimento di massa contro il regime coloniale di Israele e contro la macchina da guerra imperialista statunitense. Decine di migliaia di giovani e comunità radicalizzate in tutto il mondo hanno risposto all'appello di solidarietà del popolo palestinese nel momento del bisogno. I boicottaggi delle aziende che fanno affari in Israele e dei prodotti israeliani hanno acquisito nuovo vigore. In tutto il mondo, le proteste sono state sostenute anche sotto la minaccia della repressione statale.
È tempo di raddoppiare i nostri sforzi per fermare il massacro di Gaza e per vincere la lotta per la libertà e l'autodeterminazione dei palestinesi. In definitiva, la fine di questa violenza può avvenire solo attraverso la giustizia e la fine del sistema di apartheid che affligge la vita del popolo palestinese.

Porre fine a tutti gli aiuti statunitensi a Israele!

Boicottare, disinvestire e sanzionare [Bds] l'apartheid israeliana!

Togliere l'assedio a Gaza!

Autodeterminazione per il popolo palestinese!

Stop alla confisca delle terre palestinesi! Porre fine alla costruzione di insediamenti!

Pieno diritto dei rifugiati palestinesi di tornare nella loro terra!

Per una Palestina libera, democratica e laica, con uguali diritti per tutti!

Per una federazione socialista del Medio Oriente!

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




elezioni comunali

Cremona2024

 


Sabato 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac