Partito di Alternativa Comunista

Unire le lotte per distruggere il capitalismo

Unire le lotte per distruggere il capitalismo

 

 

 

Volantino per le giornate di lotta del 19 e 20 aprile

 

 

Il nuovo rapporto State of Global Climate 2023 della World Meteorological Organization (Wmo) pubblicato a marzo ha confermato che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato nei 174 anni di osservazioni, con una temperatura media globale di superficie di 1,45 °Celsius al di sopra del valore di riferimento pre-industriale (con un margine di incertezza di 0,12 °C). Nel 2023 sono stati nuovamente superati, e in alcuni casi infranti, i record relativi ai livelli di gas serra, alle temperature superficiali, al surriscaldamento e all’acidificazione degli oceani, all’innalzamento del livello del mare, alla copertura del ghiaccio marino antartico e al ritiro dei ghiacciai. Ondate di calore, inondazioni, siccità, incendi e cicloni tropicali in rapida intensificazione hanno distrutto territori e sconvolto la vita di milioni di persone.

 

Scioperiamo per il clima e contro il greenwashing di Israele

Il movimento Fff ha denunciato sin dal principio il massacro in corso contro il popolo palestinese e ha portato nelle piazze lo slogan «no climate justice on occupied land», non c’è giustizia climatica in una terra occupata.
Lo Stato terrorista di Israele mentre porta avanti il genocidio a Gaza e la pulizia etnica in Cisgiordania, copre i suoi crimini contro l’umanità con il greenwashing. Alla Cop28, infatti, Israele, beffardamente ha presentato un modello di innovazione climatica portando il suo contributo che consiste principalmente «nella fornitura di tecnologie e soluzioni pratiche».
Da molto tempo, la popolazione palestinese ha sperimentato sulla propria pelle il «contributo» di Israele alla vita e all’ambiente. L’avvelenamento del territorio e l’inquinamento causato dai bombardamenti assassini lasceranno una scia di distruzione che durerà per molti anni e ucciderà anche molti dei palestinesi che riusciranno a sopravvivere al genocidio attualmente in corso. Israele già prima di procedere verso la sua «soluzione finale» aveva avvelenato i terreni agricoli palestinesi che, prima dell’inizio di ottobre dello scorso anno, avevano il 96% della loro acqua non adatta al consumo umano. Il genocidio in corso a Gaza e l’incremento della pulizia etnica in Cisgiordania rappresentano una nuova fase nella continua Nakba, che da più di 75 anni è anche ambientale.

 

Studenti e operai uniti nella lotta

La strada giusta è quella di unire le lotte degli studenti con quelle dei lavoratori, unico soggetto in grado di fermare questo sistema produttivo, ma non attraverso la richiesta di intervento pubblico finalizzato a un differente modo di produrre rimanendo all’interno dell’economia di mercato.
Per superare la crisi climatica è necessario distruggere il capitalismo e per farlo dobbiamo sì convergere, ma non abbiamo nulla da chiedere, perché gli operai non hanno bisogno di nessun padrone per decidere cosa e come produrre!

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




elezioni comunali

Cremona2024

 


Sabato 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac